Psicologia e Psicoterapia

Una domanda che molte persone potrebbero porsi è: quando e perché dovrei rivolgermi a uno psicologo? Capita spesso che si posticipi, a volte frenati dal non conoscere cosa potrebbe accadere, dal tipo di domande che ci verranno poste o spaventati dalla durata di un percorso.

Dal mio punto di vista non esiste un momento specifico, una “gravità” specifica e una durata del percorso specifica. Incontrare uno psicologo significa avere l’opportunità di condividere un proprio momento critico, che può essere di malessere o di desiderio di cambiamento, può riguardare un’insoddisfazione di sé, delle proprie relazioni o dei contesti che si vivono quotidianamente. Può essere un momento in cui la persona senta di essere bloccata in una situazione o provi il desiderio di  aumentare il proprio benessere, senza sapere da dove e da cosa iniziare.

Nel mio modo di lavorare è importante che la persona e le sue scelte siano al centro; proprio per questo motivo gli incontri iniziali serviranno a definire insieme il perché la persona si è rivolta a me e qual è il suo obiettivo. Capita che bastino pochi incontri perché le persone si sentano meglio e raggiungano lo scopo per cui mi avevano contattata. Negli altri casi, si prosegue il percorso, concordando e confrontandosi con le persone circa la durata e la pertinenza delle tematiche, così che la presenza sia una continua scelta reciproca.

Ecco un elenco di alcune situazioni di cui mi occupo:

ANSIA

STRESS

DIFFICOLTÀ RELAZIONALI

DIFFICOLTÀ SUL LUOGO DI LAVORO

SCARSA AUTOSTIMA

DISTURBI DELL’UMORE

È possibile contattarmi per avere informazioni o per fissare un appuntamento.

Trovate qui l’elenco delle tariffe professionali per lo psicologo – psicoterapeuta.

Trovate qui il documento relativo al Codice deontologico degli psicologi italiani.