Metodo Feuerstein

Il Metodo Feuerstein è uno strumento ideato dal prof. Reuven Feuerstein che ha come concetto cardine la modificabilità cognitiva strutturale, ovvero la capacità fondante del nostro cervello di modificarsi e di essere in relazione con l’ambiente e gli stimoli esterni. L’intelligenza non è considerata come qualcosa di innato, bensì come una capacità che le persone possono acquisire nel tempo e ponendosi in relazione con l’altro. Tutti possono “imparare ad imparare” e porsi in una posizione di flessibilità cognitiva, emotiva e relazione nei confronti delle persone, dell’ambiente e delle esperienze che vivono.

Strumento principale del Metodo, oltre l’utilizzo di esercizi carta e matita, è la relazione con il mediatore, figura che svolge il ruolo di facilitatore dei processi dell’altro, che non si sostituisce, ma affianca la persona nel suo fare esperienza e la supporta nel trovare un proprio significato e punto di vista a ciò che sta apprendendo e conoscendo.

Il metodo Feuerstein può essere utilizzato sia come strumento di riabilitazione cognitiva, per esempio indicato per persone con deficit cognitivi o disabilità, sia come strumento di potenziamento cognitivo, per esempio per persone con disturbi dell’apprendimento, difficoltà scolastiche e nel metodo di studio, o di declino cognitivo legato all’età. Il metodo Feuerstein è inoltre utilizzato come strumento di empowerment personale e di gruppo in contesti aziendali.

In base alla valutazione, si propongono incontri a cadenza settimanale (1 o 2), individuali o in piccoli gruppi.